logo

Newsletter

logo

Social

Contatti


facebook

Indirizzo:

Sede legale - Viale Mario Giardino 46,

96010, Sortino (SR)

 

Sede operativa Teatro - Via Pietro Mascagni 92,

95129 Catania (CT)

 

Botteghino                + 39 095 538188

                   botteghino@teatroabc.eu 

Martedi -Sabato           17:00-20:00

Giovedi  10:00-13:00 / 17:00-20:00

 

Uffici                           + 39 095 538188

Infoline                    + 39 333 778 1632 

Amministrazione   + 39 345 014 0845

 

Uff. stampa ST comunicazione

​                                   +39 393 330 5552

                                    +39 348 186 1882

                    areastampa@teatroabc.eu

AREA STAMPA

info@teatroabc.eu

 

P.IVA 01899560898

18/09/2018, 10:08



COMUNICATO-STAMPA---Monica-Guerritore-e-Francesca-Reggiani-mattatrici-al-Teatro-ABC-di-Catania.-Dal-23-marzo-in-scena-con-“Mariti-e-mogli”.


 



Ungirotondo sentimentale, tra coppie solo apparentemente affiatate e altre inprofonda crisi. Con un ’cupido’, bendato e sbadato, che si diverte a scagliarele sue frecce. Tratto dall’omonimo film di Woody Allen, "Mariti e mogli" sbarcaal Teatro ABC di Catania. L’adattamento e la regia sono di Monica Guerritore,protagonista assieme a Francesca Reggiani. Lo spettacolo sarà in scena dal 23al 25 marzo per la stagione di prosa "Turi Ferro", organizzata da ABCProduzioni. "Ilprogetto - spiega Monica Guerritore - è nato da un’idea di Francesca Reggiani.Si era innamorata del film e mi ha proposto di adattarlo per il teatro,puntando su una comicità centrata sulle tematiche coniugali ma trattata congrande ironia e intelligenza".  
Rispettoal celebre film di Allen, uno tra i più amati della sua sconfinata produzione,qui accade tutto in una notte tempestosa e piena di pioggia. In un posto che,con il passare delle ore, diventa sala da ballo, sala d’attesa e ancheristorante. Ma, soprattutto, un ’luogo della mente’ in cui gli ottoprotagonisti si ritrovano, come nelle parole del regista americano,"intrappolati nell’insoddisfazione cronica di una banale vita borghese". "Abbiamoscelto un luogo unico - aggiunge la Guerritore - un "non-luogo" che peròrisultasse realistico. Il contesto è quindi una sala da ballo dove una voltaalla settimana, dopo il lavoro, si incontra un gruppo di persone di un certolivello. Sono poi intervenuta sulla ’contrazione del tempo’: in una sola nottequeste persone riflettono sulla presenza o sull’assenza dell’amore, dialogandocon il pubblico per svelare quello che sta accadendo nel loro mondo interiore".Inscena, accanto a Monica Guerritore e Francesca Reggiani, ci sono FerdinandoMaddaloni e Cristian Giammarini, assieme a Enzo Curcurù, Lucilla Mininno,Malvina Ruggiano e Angelo Zampieri.  
"Nellasimultaneità delle relazioni e degli intrecci clandestini - si legge nelle notedello spettacolo - nelle rotture e nelle improvvise riconciliazioni, neivagheggiamenti, a volte comici, a volte paradossali, si colgono le piccolealtezze degli esseri umani, così familiari a Bergman e a Strindberg. E nel loroimprovviso perdersi in danze all’unisono (su musiche da Louis Armstrong a EttaJames), là sul fondo, appare Čechov e il tempo che intanto scivola via.
Le dinamiche coniugali tra mariti e mogli, la danza, il vino e la nottesganciano il corpo e liberano le energie. Il resto è l’eterno raccontodell’amore". Nonostantesiano trascorsi più di venticinque anni dall’uscita del film (1992), le tematicheaffrontate sono ancora estremamente attuali. "L’attrazione, il voler esserediversi da quel che si è, il vagheggiare una vita diversa, la tendenza asvilire parti del proprio vissuto. Ma non c’è giudizio - conclude MonicaGuerritore - è un manifesto della nostra essenza".  
Così,la trama e le sofferenze create dall’autore (tutta la commedia è un romanzo cheuno dei protagonisti, alla fine, rivelerà di avere scritto) diventano l’unicaverità dei personaggi, costretti a vivere e a far prevalere la loro storia. Lescene di "Mariti e mogli" sono di Giovanni Licheri e Alida Cappellini, icostumi di Valter Azzini, le luci di Paolo Meglio. Dopola pausa di aprile, la stagione di prosa "Turi Ferro" al Teatro ABC di Cataniariprenderà con "Delitto/Castigo" (dal 4 al 6 maggio) interpretato dalla coppiaSergio Rubini e Luigi Lo Cascio. ’Figlio’ dell’intramontabile testo di FëdorDostoevskij, lo spettacolo è stato scritto a due mani dallo stesso SergioRubini, che ne firma anche la regia. 

Per informazioni e biglietti, infoline095.538188.


1

Privacy e Cookie Policy

WEBIDOO-logo-footer

Farmed by WEBIDOO

Prove-teatro-ABC112008001

Richiedi maggiori informazioni

* campi obbligatori